top of page

LA FORMAZIONE SULLA DIDATTICA A DISTANZA E' OBBLIGATORIA. MA....

La formazione sulla didattica a distanza è obbligatoria.

Ma nel contratto sulla Dad le parti hanno omesso di specificare che va nelle 40 ore.

E questa dimenticanza rischia di aumentare ulteriormente il carico di lavoro dei docenti senza la necessaria copertura economica degli ineludibili incrementi retributivi.

La novità è contenuta nel contratto integrativo sulle prestazioni a distanza dei docenti firmato domenica scorsa da Anief, Cisl e amministrazione (Cgil, Uil, Gilda e Snals non lo hanno firmato).

La clausola negoziale di riferimento è l'articolo 7, il quale prevede che le istituzioni scolastiche dovranno attivare la necessaria formazione al personale docente sulla didattica digitale integrata, con prioritario riferimento all'uso della piattaforma

adottata. Le scuole dovranno assicurare anche uno speciale modulo formativo concernente l'uso degli strumenti tecnologici necessari allo svolgimento della didattica digitale integrata nell'ambito del piano di formazione, Il testo della clausola

negoziale non comprende il necessario collegamento con l'articolo 29 del contratto nazionale che regola le attività funzionali all'insegnamento e prevede un limite massimo di 40 ore annuali comprensive delle riunioni del collegio dei docenti e degli incontri scuola-famiglia. E se questa omissione non verrà sanata, il rischio che si corre è quello di determinare l'insorgenza di crediti retributivi a vantaggio dei docenti interessati.

Ciò con probabile responsabilità per danno erariale in capo ai dirigenti scolastici dovendo essere qualificate, le attività di formazione eccedenti, ..come vere e proprie ore di lavoro

aggiuntive rispetto a quelle contrattualmente

previste e come tali essere retribuite (si veda la sentenza del Tribunale di Verona - Sez. Lavoro - Sent. 11/04/2011 n. 46)...


Leggi l'articolo integrale di Italia Oggi


Didattica on line_rassegna stampa
.pdf
Download PDF • 781KB


26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il disegno di Legge del Ministro Roberto Calderoli sull’autonomia differenziata, che riguarda istruzione, sanità, mobilità e assistenza sociale, dopo l’approvazione del Consiglio dei Ministri verrà d

bottom of page