top of page

NON E' VERO CHE I DOCENTI SI RIFIUTANO SOTTOPORSI AL TRATTAMENTO SIEROLOGICO. BASTA MENZOGNE!!!

Aggiornamento: 27 ago 2020

Il 26 agosto nell'edizione del TG1 delle 13,30, durante il servizio della giornalista Carlotta Mannu, i docenti e gli ATA della scuola italiana sono stati nuovamente vittima della disinformazione mediatica. In particolare, a proposito della riapertura della scuola in sicurezza, veniva riferito che circa un terzo del personale scolastico chiamato dai presìdi medici per sottoporsi ai test sierologici risultava indisponibile a sottoporsi al trattamento. La notizia, diffusa anche dalla agenzia Adkronos e ripresa anche da alcuni quotidiani, tra cui l'autorevole Corriere della Sera, non riporta invece la verità che è esattamente contraria!!! Dopo la pubblicazione delle linee guida ISS sono moltissimi (molto di piu' del 30% di insegnanti e collaboratori dichiarato nelle veline) i medici di base contattati dai docenti che invece si sono rifiutati di eseguire i test sui propri pazienti, per motivi sindacali, lasciando così i numerosi volontari che si erano subito attivati al solito rimpallo di responsabilità tra ASL e medicina di base.

ANCORA UNA VOLTA IL PERSONALE DELLA SCUOLA E' LESO NELLA PROPRIA PROFESSIONALITÀ' E COLPITO NELLA IMMAGINE IN UNA RETE DEL SERVIZIO PUBBLICO NAZIONALE SENZA LA DOVUTA IMPARZIALITA' ED OBIETTIVITA' DELLA NOTIZIA!! LO SCARICABARILE DELLE RESPONSABILITA' RICADE INGIUSTAMENTE SU CHI HA SOLO COLPA DI DOVER GARANTIRE IL DIRITTO ALLO STUDIO DEI GIOVANI DI QUESTO PAESE!!!

SEGNALEREMO PERTANTO ALLE REDAZIONI E AGLI UFFICI STAMPA RESPONSABILI LA NECESSITA' DI RISPETTARE ETICA E DEONTOLOGIA DEI GIORNALISTI CON IL DIRITTO DI REPLICA PER UNA GIUSTA INFORMAZIONE!!!

BASTA ALLA STAMPA FAZIOSA E TENDENZIOSA!!! LA CATEGORIA NON MERITA QUESTO!!!


prof. Michele Anelina - FGU Gilda di Chieti e Pescara





41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il disegno di Legge del Ministro Roberto Calderoli sull’autonomia differenziata, che riguarda istruzione, sanità, mobilità e assistenza sociale, dopo l’approvazione del Consiglio dei Ministri verrà d

bottom of page